Cani “Anti-covid”, questione di naso: parte oggi lo studio di UnivPM a Civitanova e Macerata

Cani “Anti-covid”, questione di naso: parte oggi lo studio di UnivPM a Civitanova e Macerata

L’obiettivo è ambizioso e sarebbe rivoluzionario: individuare i positivi al Covid 19 con dei cani appositamente addestrati.

Lo studio è promosso dall’Università Politecnica delle Marche, in collaborazione con la Assl di Sassari, l’Area Vasta 3 di Macerata, l’Università di Camerino e le associazioni Onlus Progetto Serena di Asparetto di Cerea (Verona) e Cluana Dog di Civitanova.

A coordinare il lavoro la professoressa Maria Rita Rippo, docente dell’Università Politecnica e presidente del corso di laurea in infermieristica Polo di Macerata, con la collaborazione di Antonio Domenico Procopio, direttore del laboratorio di patologia sperimentale, afferente al Dipartimento di chimica della facoltà di Medicina. Lo studio ha già avuto il via libera del Comitato etico regionale. Si comincia oggi, nei drive in, i punti di screening, di Macerata e Civitanova, dove ci si reca per sottoporsi a tampone molecolare per verificare la positività al Covid.

Se lo studio dovesse rivelarsi efficace, i vantaggi sarebbero enormi. I controlli per individuare eventuali positivi al Covid tramite i cani sarebbero infatti molto più veloci, con costi decisamente inferiori a quelli dei tamponi e si eviterebbe di far venire le persone ai centri di screening. Anche da un punto di vista psicologico, oltre che per il fastidio fisico inevitabile che il tampone genera, “penso in particolare ai bambini o agli ospiti nelle Rsa – conferma la Prof. Rippo –  evitare il tampone ha una sua importanza”.

“Porteremo i cani ai drive in di Civitanova e Macerata per verificare se riescono ad individuare la presenza del Covid tra i presenti – spiega la Rippo – dopo che le persone si sono sottoposte al tampone saranno testate dal cane per verificare la corrispondenza tra l’esito del tampone e l’atteggiamento dell’animale. Perché questo particolarissimo test abbia una sua validità il campione deve essere piuttosto consistente: saranno coinvolte un migliaio di persone”.

fonte etvmarche.it

Lascia un commento